I vostri sogni

 

Ero in casa con mio marito e i miei figli


Età 50-59

Sesso donna

Professione dipendente

Stato civile sposato/accompagnato

Contatto COVID indiretto

Data Sogno 11/05/2020

Sogno

Ero in casa con mio marito e i miei figli.

Mio marito stava facendo dei lavori di ristrutturazione (posa di nuovi pavimenti, cambio dei sanitari del bagno) senza avermi interpellato. Mi sono arrabbiata ma lui proseguiva senza prestare ascolto alle mie proteste.

Mia figlia aveva i bigodini in testa ma in realtà voleva fare la tinta. Sono uscita a prendere un nuovo tubetto di colorante perché quello in casa non bastava.

Fuori tutti o quasi tutti erano senza mascherina. In una piazza sulla quale si affacciava una chiesa è arrivata la polizia allora mi sono nascosta per evitare la multa perché non indossavo la protezione ma le forze dell'ordine erano lì perché c'era un funerale.

Ho incrociato un poliziotto che mi ha detto "E' un giorno tristissimo". Mi sono allontanata e volevo ritornare a casa ma all'indirizzo dove abito c'era uno studio di geologia. Allora ho provato a raggiungere l'appartamento dove abitavamo prima, in un altro quartiere della città, ma la palazzina era diversa (le scale erano ampie e sul mio pianerottolo c'era un tavolino con dei vasi di fiori) e non c'era in il nome della nostra famiglia sul campanello.

Sono uscita di nuovo in strada e mi sono trovata tra le mani un portafogli e subito il proprietario l'ha reclamato. Io ero in lacrime perché non riuscivo a tornare a casa e ho chiesto ad un passante di farmi usare il suo cellulare per chiamare qualcuno della famiglia.

Alla chiamata ha risposto mio figlio e gli ho chiesto di venirmi a prendere in una certa piazza.

© 2020 Sogni al tempo del Covid